Grappoli dell'uva lambrusco

Ecco i colori del vitigno: rosso, ruggine e gli acini scuri e succosi!

È arrivato il momento più importante per l’uva: la vendemmia!

Un momento per stare assieme, per riscoprire le antiche tradizioni e vivere a contatto con la natura. L’occasione è davvero succulenta e a dir poco unica. Tutti con un paio di forbici in mano, un cesto e una scaletta a pioli per raggiungere i grappoli più in alto. Gli esperti dicono che è il colore che bisogna guardare. Come si fa davanti a un’opera d’arte, insomma. Il modo con cui il sole accarezza i tralci, ricorda i bagliori ocra dei dipinti di Rembrandt: come nei suoi paesaggi, tutto si illumina a tal punto che sembra bruciare. Gli acini con riflessi rosati e talvolta dorati sono i più dolci. Assaggiarli significa quasi assaporare un raggio di sole. Infatti, come diceva lo stesso Galileo:

«L’uva è un composto di umore e luce».

La vendemmia è così.

Un rito in cui si compie una magia, una delle più ancestrali, una delle più suadenti: si raccoglie il sapore dell’autunno per tramutarlo in vino.

Ecco alcune foto, poco dopo la vendemmia del vino Lambrusco